Doppia Cessione del Quinto

La doppia cessione del quinto è un’opportunità per tutti coloro che desiderino usufruire dei vantaggi della cessione ma hanno bisogno di maggior denaro. 


I pensionati possono richiedere la seconda cessione sulla propria pensione? Scopriamolo insieme.

CONTENUTO DELL'ARTICOLO

Che cos’è la Doppia Cessione del Quinto o prestito con delega?

La doppia cessione del quinto è nota come delega e serve per ottenere più liquidità tramite il finanziamento in esame. 

Se, infatti, un soggetto non si trovasse ancora nelle condizioni di poter estinguere la cessione del quinto già in corso, potrà affiancare al primo finanziamento una seconda cessione del quinto; così facendo, il soggetto potrebbe usufruire di due quinti del suo reddito.

I pensionati possono richiedere la Doppia Cessione del Quinto?

La risposta a questa domanda, purtroppo, è negativa. 

I pensionati NON possono richiedere la doppia cessione del quinto. 

Questo accade poiché le cifre concesse andrebbero ad aumentare di molto e si correrebbe il rischio di sovraindebitamento; oppure potrebbe accadere di ridurre a tal punto la pensione da ricadere al di sotto delle soglie minime.

doppia cessione del quinto

Soluzioni Alternative per i Pensionati

Al pensionato che volesse richiedere ancora liquidità, si presentano comunque diverse possibilità:

Cessione del Quinto

Per tutti quelli che non sanno di cosa si tratta, la cessione del quinto è una tipologia di finanziamento in cui l’importo delle rate non può mai superare il quinto dello stipendio o, in questo caso, della pensione. Le rate stesse, inoltre, vengono trattenute direttamente sulla pensione o sullo stipendio, senza che il richiedente se ne debba occupare. 

 

 

Per i pensionati, i vantaggi sono molti rispetto ai più diffusi prestiti:

  1. – Non esiste limite d’età, anche se tendenzialmente le agenzie lo pongono ad 80 anni (il prestito ha il limite dei 70-75)
  2. – Assicurazione sulla vita compresa nel contratto;
  3. – Pagamento delle rate effettuato direttamente dall’INPS;
  4. – Rate che non incidono pesantemente sul reddito poiché ad esso si adeguano;
  5. – Per i pensionati è possibile richiedere la cessione del quinto anche avendo già un prestito in corso, a patto che l’ammontare del debito non vada a superare il 50% del reddito netto mensile;
  6. – La cessione del quinto è sottoscrivibile da parte di un pensionato anche nel caso in cui ci fosse già un pignoramento in corso sulla pensione, ovvero fosse in atto un sistema di trattenute per sanare un debito non saldato in precedenza. 

Rinnovo della Cessione del Quinto

Il rinnovo della cessione del quinto è un servizio offerto ai lavoratori ed anche ai pensionati che desiderassero estinguere il finanziamento già in corso per rifinanziare una nuova somma, più bassa o più alta a seconda delle esigenze.

 

Unica clausola che si pone per fare richiesta ed ottenere il rinnovo è quella di aver già pagato almeno due quinti del numero complessivo delle rate del primo finanziamento. 

Prestito Personale

Ultimo ma non ultimo, il prestito personale rimane sempre una soluzione per tutti. 

Qui, al contrario della cessione del quinto, le rate dovranno essere versate direttamente dal cliente alla banca o alla finanziaria prescelta. 

Viene richiesto a chi vuole usufruire del prestito di dimostrare di possedere un reddito fisso mensile; l’importo concesso e l’ammontare delle rate non si basano, però, su quest’ultimo ma vengono concordati tra finanziatore e richiedente. 

In ogni caso, non vengono mai elargiti più di 30mila Euro

Il prestito personale non è finalizzato, ovvero non si deve indicare la destinazione d’uso del denaro. 

Per i pensionati è bene ricordare che il prestito presenta il limite d’età dei 75 anni, al contrario della cessione del quinto che può arrivare anche ad 80 anni.

 

Una categoria personale, sono i pensionati ex INPDAP che possono accedere a delle tipologie di prestiti particolarmente vantaggiose.

simulazione
cessione del quinto

Esempio di prestito con cessione del quinto erogato ad un ex dipendente statale nato il 01/02/1954: importo erogato 28474,47€ da rimborsare in 120 rate mensili da 300,00€ – TAN fisso 4,84% – TAEG fisso 4,97% – importo totale dovuto dal consumatore di 36.000,00€ spese assicurative comprese nella rata, tasso fisso rata costante , bollo 16 euro.

articoli consigliati per te:

Prestiti INPS ex INPDAP
Prestiti

Prestiti INPS ex INPDAP

Come abbiamo già visto in questo articolo sui Prestiti INPS, i dipendenti pubblici e i pensionati dello stesso settore, dal 2012 si devono rivolgere all’INPS per usufruire

Leggi Tutto »
Regolamento dei Prestiti INPS
INPS

Regolamento Prestiti INPS

Da questo link al sito dell’INPS potrai scaricare il Regolamento dei prestiti INPS aggiornato all’ultima versione.  In questo articolo troverai la spiegazione dettagliata di questo regolamento, per

Leggi Tutto »
Tabelle dei Prestiti INPS Prontuario
INPS

Prestiti INPS Tabelle

TABELLE PRESTITI INPS L’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale elargisce due tipologie di prestiti a tassi vantaggiosi:  Prestito Pluriennale INPS Piccolo Prestito INPS   Nel primo caso,

Leggi Tutto »
Prestiti inps simulazioni e tassi
INPS

Prestiti INPS

I prestiti INPS sono dei prestiti agevolati per dipendenti pubblici che si suddividono in: piccoli prestiti INPS e Prestiti pluriennali INPS.   Di fatto vanno

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.