Quali sono i Migliori Prestiti per Pensionati INPS

Per tutti coloro che sono in pensione e decidono di sottoscrivere un prestito per ottenere liquidità, l’INPS offre alcune soluzioni vantaggiose dedicate proprio ai pensionati.

 

Scopriamo qui di seguito di cosa si tratta.

CONTENUTO DELL'ARTICOLO

Prestito INPS per Pensionati ex Dipendenti Pubblici

Un servizio agevolato dedicato agli iscritti alla gestione Dipendenti pubblici è sicuramente quello dei prestiti convenzionati con l’INPS (ex INPDAP). 

Tali prestiti presentano tassi d’interesse molto agevolati e vengono gestiti tramite la cassa del Fondo Credito. 

Le soluzioni presentate al richiedente sono due il piccolo prestito INPDAP e il prestito pluriennale INPDAP.

Migliori prestiti per pensionati

Piccolo Prestito INPDAP

La durata di questi finanziamenti è ridotta tra 1 e 4 anni; gli importi sono minori ma vengono erogati velocemente. 

Con questa tipologia di prestito, difatti, si possono richiedere da una a quattro mensilità nette; queste possono arrivare fino ad un massimo di otto grazie alla richiesta della doppia mensilità. 

Nel caso di richiesta della doppia mensilità il soggetto arriverà ad usufruire anche di otto mensilità, tuttavia, in quel momento, egli non deve avere altre trattenute sulla pensione e la rata, in ogni caso, non supererà il quinto cedibile della pensione netta. 

 

La somma da rimborsare sarà comprensiva anche dei tassi d’interesse TAN e TAEG; di uno 0,50% di spese d’amministrazione e di un premio di rischio, diverso per fasce d’età.

Chi può e come fare domanda per il Piccolo Prestito

Il piccolo prestito INPDAP può essere richiesto solamente dai pensionati ex dipendenti pubblici, iscritti al Fondo Credito

Per presentare la domanda, il pensionato potrà scegliere tra tre opzioni:

  • Chiamare il Contact Center INPS
  • Fare domanda online tramite il portale INPS
  • Recarsi in una sede del patronato o di un intermediario per INPS

I documenti richiesti all’atto della domanda, infine, sono di facile reperibilità:

  • Documento d’identità valido e Codice Fiscale
    Ultimo cedolino della pensione
    Dichiarazione sostitutiva di atto notorio (garantisce l’autenticità dei documenti qui sopra)

Prestito pluriennale INPDAP

Qui le cifre richiedibili sono più elevate ma destinate ad usi concreti e già individuati (ad esempio per le cure dentarie, per un trasloco ecc.); la durata del prestito è più lunga e sarà o di 5 anni o di 10 anni.

Di quest’ultimo prestito esistono due categorie diverse ovvero il prestito pluriennale diretto e il prestito pluriennale indiretto. Nel primo caso le rate vengono versate direttamente dalla pensione, nel secondo caso il rimborso avviene tramite agenzie convenzionate con INPS. 

 

La cifra totale da rimborsare comprende anche dei costi aggiuntivi ovvero le spese amministrative (pari allo 0,50%), i tassi d’interesse (TAN e TAEG) e un premio di rischio in base all’età.

Chi può usufruire del servizio e come richiederlo

Per usufruire di tali servizi bisogna essere iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo Credito).

Per presentare la domanda, nuovamente, il pensionato potrà o parlare con il Contact Center INPS, potrà usufruire online del sito web INPS oppure potrà recarsi presso una sede del patronato o un intermediario INPS.  

 

Qui, però, aumenta il numero di documenti richiesti ma rimangono tutti di facile disponibilità:

  • Documento d’identità in corso di validità e Codice Fiscale
  • Ultimo cedolino della pensione
  • Certificato medico di buona salute su modulo AC070
  • Autocertificazione dello stato di famiglia
  • Documentazione che attesta la richiesta di prestito e le sue motivazioni
  • Dichiarazione sostitutiva di atto notorio

Prestiti INPS Online

Altra soluzione di recente introduzione è quella di sottoscrivere un prestito INPS tramite le piattaforme online delle finanziarie. 

Le varie agenzie, oggigiorno, possiedono siti web in cui simulare e poi, in caso affermativo, sottoscrivere il prestito a noi più adatto.

I tassi d’interesse, in questi casi, possono risultare molto vantaggiosi e spesso le diverse agenzie presentano offerte per i vari servizi.

Cessione del Quinto per Pensionati, una soluzione alternativa

Per i pensionati provenienti da qualsiasi ambito lavorativo, una soluzione diversa e che sta prendendo sempre più piede è la cessione del quinto della pensione

 

Con tale tipo di finanziamento, si avranno molti vantaggi tra cui quello di non doversi occupare personalmente del pagamento delle rate; queste ultime, infatti, verranno trattenute direttamente sulla pensione. L’ammontare delle stesse, inoltre, non andrà mai a superare il quinto della pensione e rimarrà fissato allo stesso valore per l’intera durata del rimborso.

Il piano di ammortamento varia sulla base del reddito e dell’importo delle rate, si va comunque da una durata minima di 24 mesi fino ad un massimo di 120 mesi.

 

Ricordiamo tuttavia di utilizzare questa soluzione in maniera ponderata in quanto non è possibile fare una doppia cessione del quinto per i pensionati.

Come fare richiesta per la Cessione del Quinto sulla Pensione?

Il richiedente non dovrà avere più di 80 anni e dovrà essere iscritto all’INPS oppure essere un ex dipendente pubblico

Il termine del finanziamento non deve mai cadere oltre l’85esimo anno d’età.

 

Inoltre, egli non deve ricevere una tra queste tipologie di pensione o assegno:

  • Pensione minima
  • Pensione di invalidità civile
  • Assegno di sostegno al reddito (CRED27, COOP28, VOCRED, VOESO, VOCOOP) o al nucleo familiare
  • Pensione o assegno sociale
  • APE sociale
  • Prestazioni di esodo (ex art. 4, commi 1-7 ter, Legge 92/2012)
  • Pensioni con contitolarità nella parte non spettante

 

Per portare la propria domanda ed ottenere la cessione del quinto della pensione basterà recarsi alla sede INPS più vicina e richiedere la comunicazione di cedibilità della pensione, da presentare in seguito alla banca o alla finanziaria individuata. Questo documento serve per poter calcolare il quinto cedibile, perciò la rata massima del finanziamento. 

Qualora ci si rivolgesse ad un’agenzia finanziaria convenzionata con INPS (elenco sul sito www.inps.it), la comunicazione di cedibilità verrà automaticamente richiesta dall’agenzia, senza che il pensionato si mobiliti in prima persona. 

 

Per il pensionato, l’assicurazione sul rischio di premorienza è obbligatoria e serve a sollevare la finanziaria e gli eredi dal peso del debito in caso di decesso del richiedente. 

 

I documenti necessari alla compilazione dei moduli sono dunque:

  • Documento d’identità valido e Codice Fiscale
  • Comunicazione di cedibilità della pensione
  • Ultimo cedolino della pensione
  • Certificato di buona salute
  • Polizza assicurativa sul rischio di premorienza

in conclusione

Le alternative per chi incassa il solo assegno INAIL sono molto poche e spesso richiedono garanzie ulteriori al cliente per accedere al credito. 

Se, al contrario, il pensionato affianca il primo assegno ad una pensione INPS, l’offerta si amplia ed include soluzioni più vantaggiose.

simulazione
cessione del quinto

Esempio di prestito con cessione del quinto erogato ad un ex dipendente statale nato il 01/02/1954: importo erogato 28474,47€ da rimborsare in 120 rate mensili da 300,00€ – TAN fisso 4,84% – TAEG fisso 4,97% – importo totale dovuto dal consumatore di 36.000,00€ spese assicurative comprese nella rata, tasso fisso rata costante , bollo 16 euro.

articoli consigliati per te:

Prestiti INPS ex INPDAP
Prestiti

Prestiti INPS ex INPDAP

Come abbiamo già visto in questo articolo sui Prestiti INPS, i dipendenti pubblici e i pensionati dello stesso settore, dal 2012 si devono rivolgere all’INPS per usufruire

Leggi Tutto »
Regolamento dei Prestiti INPS
INPS

Regolamento Prestiti INPS

Da questo link al sito dell’INPS potrai scaricare il Regolamento dei prestiti INPS aggiornato all’ultima versione.  In questo articolo troverai la spiegazione dettagliata di questo regolamento, per

Leggi Tutto »
Tabelle dei Prestiti INPS Prontuario
INPS

Prestiti INPS Tabelle

TABELLE PRESTITI INPS L’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale elargisce due tipologie di prestiti a tassi vantaggiosi:  Prestito Pluriennale INPS Piccolo Prestito INPS   Nel primo caso,

Leggi Tutto »
Prestiti inps simulazioni e tassi
INPS

Prestiti INPS

I prestiti INPS sono dei prestiti agevolati per dipendenti pubblici che si suddividono in: piccoli prestiti INPS e Prestiti pluriennali INPS.   Di fatto vanno

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.